Vivere 120 anni: medici, scienziati e filosofi rivelano come si fa

IL CIBO DEL RISVEGLIO

 IN PRIMA FILA COL BENESSERE STANDO COMODAMENTE A CASA

6 – 8 settembre 2019

IL VILLAGGIO DELLA SALUTE PIÙ – Via Sillaro 27 – Monterenzio, Bologna

Atti del convegno in formato digitale e diretta streaming per agevolare l’acquisizione dei crediti formativi Ecm

Medici, infermieri e psicologi che frequenteranno l’intero convegno, riceveranno 19 crediti formativi Ecm. Per chi frequenterà solo un giorno sono previsti 10,5 crediti attraverso la formazione on line (Fad).

Milano, 12 agosto 2019 – Grandi novità per “Il Cibo del Risveglio”, prima edizione del convegno nazionale, dall’alto contenuto scientifico, alla scoperta dell’elisir di lunga vita.

Viste le numerose richieste, l’organizzazione ha deciso di permettere la fruizione dei temi del convegno con diverse modalità. Chi fosse impossibilitato a partecipare di persona, infatti, oltre ad avere la possibilità di ricevere gli atti del convegno in formato digitale, utili a ottenere i crediti formativi Ecm attraverso un test online da effettuare entro l’8 ottobre 2019, ci sarà la possibilità di assistere a tutte le sessioni stando comodamente nella sede più consona al partecipante, grazie alla diretta streaming.

A tutti gli iscritti allo streaming sarà rilasciato il diploma di partecipazione. In più quest’imperdibile opportunità permetterà a medici, infermieri e psicologi di ottenere ugualmente i crediti formativi Emc, con l’esecuzione a distanza del test di valutazione valido per il Ministero della Salute.

E se proprio non si riusciranno a seguire i lavori del Convegno in presa diretta, arriva la possibilità di ricevere a casa tutti gli interventi dei relatori su supporto digitale. Anche in questo caso, medici, infermieri e psicologi potranno ottenere i crediti formativi Ecm attraverso un test, che però sarà da sostenere entro un mese dalla fine del Convegno.

L’evento, di portata internazionale per gli argomenti e gli studi presentati, riunisce per la prima volta al mondo ricercatori del DNA, oncologi di fama, scienziati, esperti di nutrizione e non solo.

Sarà possibile partecipare ai concerti dal vivo di hang hand-pan, di campane di cristallo e di voci armoniche a 432 hz con musicoterapeuti di provata fama ed esperienza, capaci di portare le onde cerebrali nei più profondi stati di meditazione.

Il Cibo del Risveglio è aperto a tutti gli appassionati e cultori del benessere, oltre a insegnanti di scuola, istruttori di discipline olistiche, professionisti della relazione di aiuto. A tutti sarà rilasciato un attestato di frequenza.

È possibile iscriversi collegandosi alla pagina Facebook oppure chiamando il numero 338 2370407.

Venerdì 6 settembre

  • 9 – 11 Applicazioni pratiche nel sequenziamento del DNA: le scienze omiche dalla nutrigenetica alla nutrigenomica

Daniele Tedeschi – Esperto in fisiopatologia ed epigenetica della nutrizione. Direttore Scientifico Progetto Genobioma

Il Genobioma è rappresentato dall’insieme funzionale del patrimonio genetico (DNA nucleare e DNA mitocondriale) e del microbioma, ovvero il genotipo di quei microrganismi che vivono in simbiosi con quell’essere vivente (ne è un esempio il microbiota intestinale, piuttosto che quello cutaneo). Lo studio della sequenza del DNA, dell’espressione genica e quindi della codifica delle proteine, è conoscere se stessi e le interazioni con cibo, nutrienti, farmaci e con le stesse integrazioni nutraceutiche utilizzate per migliorare la qualità della vita.

  • 11 –  13 Nell’era dell’Antropocene, la nutrizione per la resilienza ambientale.

IL PROGRAMMA

               Luigi Montano – UroAndrologo ospedaliero, responsabile del primo Servizio Pubblico in Italia di            Medicina dello Stile di Vita in UroAndrologia dell’ASL Salerno, esperto in Patologia Ambientale ed          Ecologia della Nutrizione, Coordinatore del Progetto di Ricerca EcoFoodFertility, attuale Presidente della               Società Italiana di Riproduzione Umana.

               Nell’era dell’Antropocene, gli inquinanti ambientali presenti ormai senza eccezione in tutto ciò che        respiriamo, mangiamo e beviamo, mettono a dura prova l’intero sistema di difesa dell’organismo che          sempre di più mostra difficoltà nella capacità di metabolizzare ed eliminare i composti tossici e quindi              compensare le carenze di quei fattori nutrizionali essenziali per insufficiente assunzione o per     aumentato fabbisogno di essi. Avviare misure di resilienza individuali è dunque necessario per   mantenere in una condizione di stress ambientale un accettabile benessere psicofisico e una buona salute per prevenire le patologie cronico-degenerative. Il progetto di ricerca EcoFoodFertility,             biomonitoraggio umano multicentrico e interdisciplinare che si sta svolgendo nelle aree a rischio          ambientale non solo d’Italia che utilizza il seme umano come Sentinella della Salute Ambientale e        Generale, rappresenta un esempio di come sia possibile valutare i segni più precoci di danno alla salute         da inquinamento ambientale, ma anche di modulare con la corretta alimentazione e con sistemi         nutraceutico-funzionali gli effetti degli inquinanti sull’organismo. Durante il convegno verranno     presentati in anteprima nazionale i risultati della ricerca, condotta col Ministero della Salute su scala    mondiale.

  • 14.30 – 16.30 Longevi e golosi: la ricetta della felicità

               Chiara Manzi – Nutrizionista, fondatrice dell’Accademia Europea di Nutrizione culinaria, ideatrice di         Cucina Evolution, tra i massimi esperti europei di Culinary Nutrition e di nutrizione antiaging

               La ricetta della longevità ha come primo ingrediente un’alimentazione ricca di vitamine, antiossidanti,     molecole bioattive ma anche ipocalorica, poco grassa, poco salata e poco zuccherata. Vivere a lungo e in   salute vuol dire quindi nutrirsi di cibi tristi e insipidi, rinunciando a dolci, fritti e golosità? Se “Salute”            significa benessere psicofisico delle persone, è dovere dei ricercatori della nutrizione trovare una strada      per far incontrare le linee guida per una corretta alimentazione dell’Organizzazione Mondiale della             Sanità con carbonara, pizza, fritti e tiramisù. Cucina Evolution, il progetto di Antiaging Italian Food che             porto avanti da 12 anni, ha fatto ritrovare peso ideale e salute a migliaia di persone senza rinunciare a        dolci e pasta.

  • 16.30 – 18.30 La dieta a base vegetale

               Luciana Baroni – Presidente della Società Scientifica di nutrizione Vegetariana, dirigente del Centro delle       demenze e disturbi cognitivi Treviso Nord, autrice di oltre 60 pubblicazioni e 12 libri su alimentazione e               stili di vita.

               Il peso dell’evidenza che proviene dai molti studi scientifici pubblicati ad oggi permette di affermare che    le diete a base vegetale rappresentano un’efficace misura terapeutica non farmacologica per le       principali malattie cronico-degenerative dei Paesi ricchi: obesità, diabete, ipertensione e altre malattie       cardiovascolari. Malattie che, unitamente ai tumori, in chi segue diete la base vegetale hanno tassi di    incidenza ridotti. I vantaggi però non si limitano alla salute umana, ma possono essere estesi anche alla               salute del nostro Pianeta: la produzione di cibo vegetale a uso umano permette infatti di risparmiare     risorse (materie prime, terreni, acqua ed energia) e di ridurre l’emissione di scorie (gas serra, liquami, prodotti dell’agricoltura), in confronto alla produzione di cibi animali. Seguire una dieta a base vegetale            è semplice e sicuro, perché ormai abbiamo chiare le informazioni su come questa dieta possa essere realizzata garantendo non solo l’adeguatezza nutrizionale ma sfruttando al massimo i componenti        protettivi dei cibi vegetali. Verrà presentato il metodo facilitante del PiattoVeg, ideato dalla relatrice al              fine di permettere l’agevole pianificazione di menù a base vegetale nutrizionalmente completi.

  • 21.00 – 22.30 Racconti sonori – Concerto di Hang-Handpan

               Paolo Borghi – Musicoterapeuta, diplomato il Cetom di Firenze, pioniere nell’utilizzo dell’hang handpan,             è l’ideatore di un metodo di musicoterapia integrata per il rilassamento (Sonum Sound Healing), che      fonde automassaggio, meditazioni, esercizi di vocalità, meditazione sonora.

Sabato 7 settembre

  • 8.30 – 9.30 Il Corpo di Giada – Yu Ti Gong

               Giorgio Barbieri – Giornalista, presidente della scuola di arti orientali Tao Kuan, ricercatore ed esperto di           Qi Gong terapeutico, studia e pratica da oltre 35 anni con medici cinesi e maestri taoisti di fama   internazionale.

               Nell’antica tradizione del Qi Gong, disciplina della Medicina Tradizionale Cinese basata sul riequilibrio          energetico degli organi per vivere più a lungo e in salute fisica e mentale, il Corpo di Giada è una        sequenza di esercizi che lavorano sulla colonna vertebrale per sciogliere contratture e tensioni               muscolari, ossigenare e purificare il midollo spinale, stimolare attraverso il meccanismo dei meridiani            energetici il principio di autoguarigione donando forza fisica e serenità mentale.

  • 9.45 – 12.45 Alimentazione e integrazione, armi fondamentali nella prevenzione primaria, sinergiche nelle terapie oncologiche e irrinunciabili contro le recidive (non solo dei tumori)

               Maria Rosa Di Fazio – Specialista in Oncologia, è responsabile del Servizio di Oncologia Medica del         Centro SH, Health Service di Falciano (Repubblica di San Marino). Relatrice in numerosi congressi            nazionali e autrice di pubblicazioni su riviste mediche e libri, ha partecipato in maniera sistematica a      Congressi Nazionali e Internazionali. È stata investigatrice in protocolli di studio nazionali e          internazionali.

               Almeno il 45% dei tumori ha origine da un’alimentazione malsana, perlopiù industriale, priva di nutrienti              ma ricca soltanto dei peggiori grassi saturi, nonché di spaventose quantità di zuccheri e glutine. E         ancora: latte e latticini carichi di caseina, di fattori di crescita cellulare, di ormoni animali e di antibiotici.   Senza dimenticare sale, aromi di sintesi, additivi, conservanti, edulcoranti, addensanti, gelificanti che           nulla hanno a che fare con la salute. Mentre la terra, sfruttata da un’agricoltura folle, non ci può dare        oltre, per una sana alimentazione si rende necessaria l’integrazione con prodotti naturali e       biodisponibili.

  • 14.30 – 17.30 Stati di coscienza unitari e unificazione psicososmica nello sciamanesimo e nella sapienza greca e orientale e in C. G. Jung

               Angelo Tonelli – Filologo, poeta, regista teatrale, è tra i massimi grecisti viventi, attività che ha                concentrato sulla sapienza greca dalle origini all’alchimia, agli oracoli caldaici. Ha compiuto un percorso             ndividuale di formazione junghiana con Lino Tosca, membro del Cipa, e si è perfezionato con un corso di       psicanalisi a Pisa diretto da Roberto Bichisecchi. Da anni pratica meditazione di presenza e coltiva             pratiche tratte da varie tradizioni spirituali.

               Il seminario teorico-pratico alternerà sessioni di pratiche di rilassamento, meditative, catartiche,          tonglen, cerchio sciamanico e esperienza dei quattro elementi e visualizzazioni guidate con        comunicazioni del trainer intorno allo sciamanesimo, con particolare attenzione a quello greco nelle            figure di Abaris, Ermotimo, Empedocle, ma anche alla spiritualità dionisiaca e apollinea, e alle pratiche              meditative dei Pitagorici. Inoltre si approfondiranno Eraclito, Parmenide, Empedocle, gli Oracoli Caldaici           e l’alchimia di Zosimo di Panopoli, e, sul versante orientale, il Sutra del Cuore e altri testi relativi alla            realizzazione della vacuità, come i Canti spirituali di Ma Gchig. Infine si parlerà del Sé in Jung con uno         sguardo al processo di individuazione sigillato nella Divina commedia di Dante.

  • 21.00 – 22.30  Voci di cristallo – Concerto di campane di Cristallo e Star Crystal Voice – Multidimensional pure sound healing art

               Isabella Cambiganu – Artista e libera ricercatrice, ha studiato filosofia della mente contemporanea,              seguendo ricerche di scienza cognitiva e neuroscienze. La sua voce è naturalmente accordata in 432 hz,           in coerenza con le leggi universali della vita. La sua ricerca è un tributo alla conoscenza ancestrale del              Femminile sacro. Le sue voci di cristallo inducono stati meditativi e di rilassamento favorendo il      riequilibrio energetico e psicoemozionale.

Domenica 8 settembre

  • 8.30 – 9.30 Giorgio Barbieri – Il Corpo di Giada – Yu Ti Gong – Seconda giornata di studio di questa antica pratica taoista che agisce sulla colonna vertebrale per riequilibrare l’energia degli organi
  • 9.45 – 10.45 Le nuove frontiere della salute: il metodo RCR

               Antonio Monti – Professore di anatomia, psicologo, ideatore e fondatore del Villaggio della Salute Più

               Per il Network riabilitativo chinesiterapico e termale il training fisico più innovativo è il Metodo RCR      (Reazioni a catena recettoriali) che, attraverso le mobilizzazioni articolari, ha l’obiettivo di stimolare le              catene delle capsule recettoriali, del midollo osseo, del midollo spinale, dei neuroni e dei              neurotrasmettitori fino ad arrivare al cervello. Si tratta di una ginnastica globale, i cui esercizi posturali               sono annoverati dal Ministero della Salute, che tutti possono fare in applicazione su una parte specifica           o sul corpo intero. Il metodo integrato considera la balneoterapia termale, il circuit training, le terapie   strumentali e la nutrizione mitocondriale.

  • 10.45 – 12.45 e 14.30 – 17.30 Il Cibo del Risveglio

               Selene Calloni Williams Viviamo in un mundus symbolicus, un mondo di simboli e immagini, quando                smarriamo il significato dei simboli le nostre azioni perdono la loro efficacia. È difficile vedere come la contaminazione dell’aria, dell’acqua, del cibo, l’impoverimento nutrizionale degli alimenti sia legato alla   perdita del significato profondo delle nostre azioni: bere, mangiare, respirare, abitare la terra. Smarrire il           significato è dimenticare l’anima. Una simile perdita non è colmabile da alcuna teoria, dieta, dottrina.               L’anima lascia un vuoto di significato che si riflette nella difficoltà che l’uomo attuale sperimenta               nell’incontrare il giusto nutrimento, il cibo sano. È necessaria una “caccia all’anima” e questa è        un’operazione sciamanica.

               Attraverso il cibo e il modo in cui mangiamo possiamo guarire non solo il nostro corpo, ma anche le              emozioni, i comportamenti, il rapporto con il denaro, le relazioni e rendere splendente e libero il nostro               destino. Libertà, salute, creatività, ricchezza, fertilità, serenità, pace, amore, rispetto, gioia e conoscenza        hanno inizio da ciò che portiamo alla bocca e da come lo facciamo.

               L’arte del cibarsi affonda nella notte dei tempi, azione ricca di simboli e di spiritualità: dalla tradizione           dello yoga sciamanico a quella dello sciamanismo siberiano e mongolo, da quella induista a quella del        buddhismo tantrico, dalla tradizione mitologica greca al cristianesimo, sfiorando persino il sufismo.        Conoscere i significati più profondi dei riti significa comprendere l’altro lato dell’alimentazione, che non   c’entra con il calcolo delle vitamine o delle calorie, ma che è incommensurabile e riguarda l’aspetto    invisibile del consumare altre vite. Perché ogni cibo è anche uno spirito. E mangiare significa sempre                interagire con l’invisibile.

               Se tale interazione è compiuta con piena consapevolezza e presenza mentale i benefici che ne derivano              sono enormi. Ne giovano la salute fisica, l’intuizione, la visione sottile, la vita emotiva, le relazioni, il      rapporto con l’abbondanza e la ricchezza.

About Cristina Colombera